Ricerca ed Innovazione

I TESSILI INTELLIGENTI

Nicchia di mercato a cui vengono destinati ingenti investimenti in R&S

Un tessile intelligente è un tessuto in grado di reagire a stimoli esterni (originati dall’ambiente o dall’utilizzatore stesso) di natura meccanica, fisica, chimica, elettrica e biologica.

La prima generazione di tessili intelligenti apparsi sul mercato a partire dall’anno 2000 era basata sul semplice accoppiamento fra componenti elettronici ed un substrato tessile. Da allora, grazie agli sviluppi tecnologici nel settore elettronico (miniaturizzazione), della connettività e dell’efficienza energetica, dei processi produttivi tessili, nonché ad una drastica riduzione dei prezzi, si è arrivati a sviluppare prodotti che incorporano tecnologie in un modo più integrato o ad integrarli direttamente nel materiale tessile, ad es. nei filati o sulle superfici tessili.

Pur rappresentando attualmente una nicchia di mercato, si stima per il settore una forte crescita: secondo uno studio condotto da TMR (Transparency Market Research) il mercato mondiale dei tessili intelligenti crescerà ad un ritmo del 14% annuo tra il 2014 e il 2020, passando da 1,5 Mld USD del 2013 a 3,8 Mld USD nel 2020.

Al segmento vengono destinati ingenti investimenti, sia pubblici che privati. In Europa, la Commissione Europea ha finanziato diversi progetti di ricerca sui tessili intelligenti nel FP6 e FP7 che hanno portato a sviluppare diversi brevetti.

Si segnala a tal proposito che, nel 2018, è partito un programma europeo finalizzato ai tessili intelligenti denominato CONTEXT che ha l’obiettivo di sviluppare progetti di ricerca, sviluppo e innovazione promuovendo gli scambi tra esperti. In questo progetto, ci sono 5 gruppi di lavoro che si rivolgono a 5 settori: salute, trasporti, DPI, edilizia e sport (per maggiori informazioni http: // www.context-cost.eu/).

 

Fonte: estratto newsletter TexClubTec n. 262, giugno 2019

Pubblicato in Comunicazioni

LOGIN

Accedi all'area soci