Stampa questa pagina

La dichiarazione dell'industria tessile europea sul pacchetto energia: devono essere intraprese azioni sempre più incisive senza ulteriori indugi

Brussels, 16 September 2022 

Il mese scorso, quando i prezzi all'ingrosso del gas hanno raggiunto il livello record di 340€/MWh – facendo scattare anche i prezzi dell'elettricità alle stelle – l'industria tessile europea ha chiesto all'Unione Europea di adottare un price cap all'ingrosso per il gas, la revisione dell'ordine di merito principio nel mercato elettrico, sostegno alle PMI e strategia unica europea. Il 14 settembre 2022, in occasione del discorso sullo stato dell'Unione del Presidente Von der Leyen, la Commissione ha annunciato iniziative volte ad affrontare la drammatica crisi energetica che l'Europa sta affrontando.

Noi, associazioni europee che rappresentano l'intero ecosistema tessile, accogliamo con favore queste proposte della Commissione di modificare i parametri del benchmark TTF e disaccoppiare il TTF dal mercato elettrico e la revisione del principio dell'ordine di merito per il mercato elettrico, che non è più al servizio dello scopo per cui è stato progettato.

Accogliamo inoltre con favore la proposta di modificare il quadro degli aiuti di Stato che, a nostro avviso, dovrebbe includere il finissaggio dei tessuti, i servizi tessili e i settori del tessuto non tessuto, nonché una semplificazione dei requisiti applicativi. Chiediamo inoltre un'attuazione uniforme in tutta l'UE.

Tuttavia, riconosciamo che la proposta della Commissione manca di ambizione e, se confermata, verrà a costo di perdere capacità industriale europea e posti di lavoro europei. In definitiva, l'Europa rimarrà senza il suo ecosistema tessile integrato, come lo conosciamo oggi, e non avrà alcun mezzo per tradurre in realtà la strategia tessile dell'UE, per prodotti tessili più sostenibili e circolari.

È assolutamente necessario un ambizioso e significativo limite di prezzo europeo sul prezzo all'ingrosso del gas naturale. L'Europa sta finendo il tempo per salvare la propria industria. È giunto il momento di agire rapidamente, con decisione, in unità e solidarietà a livello europeo. Comprendiamo che un limite di prezzo molto alto è stato finora discusso tra i ministeri e questo non è rassicurante per le aziende di tutta Europa: se un limite è, come previsto, superiore a 100€/MWh, queste attività crolleranno.

Già a marzo 2022, con prezzi all'ingrosso del gas nell'UE a 200€/MWh, il business case per mantenere la produzione tessile non c'era più. Ad oggi i prezzi all'ingrosso del gas naturale hanno raggiunto il livello di 340€/MWh, oltre 15 volte in più rispetto al 2021! Attualmente molte aziende hanno sospeso i propri processi produttivi per evitare la perdita di decine di migliaia di euro ogni giorno. Ci auguriamo che questa non diventi la nuova normalità e, per ridurre la probabilità di uno scenario del genere, invitiamo la Commissione, il Consiglio UE e il Parlamento ad adottare rapidamente azioni decisive, di impatto e concrete per affrontare la crisi energetica e garantire la sopravvivenza dell'industria europea.

Data la terribile concorrenza internazionale in cui opera l'industria tessile dell'UE, non è possibile semplicemente trasferire l'aumento dei costi sui consumatori. Eppure, con questi prezzi altissimi, le nostre aziende non possono permettersi di assorbire quei costi. Le aziende tessili dell'UE sono principalmente PMI che non hanno la struttura finanziaria per assorbire un tale shock. In contrasto con tale realtà in Europa, il prezzo all'ingrosso del gas negli Stati Uniti e in Cina è di 10€/MWh, mentre in Turchia il prezzo è di 25€/MWh. Se l'UE non agisce, i nostri concorrenti internazionali ci sostituiranno facilmente sul mercato, con conseguente deindustrializzazione dell'Europa e un peggioramento della dipendenza dalle importazioni estere di prodotti essenziali.

Segmenti specifici dell'industria tessile sono particolarmente vulnerabili:

• L'industria delle fibre sintetiche (MMF), ad esempio, è un settore ad alta intensità energetica e un importante consumatore di gas naturale ed elettricità nella produzione delle sue fibre. Non solo è interessato da un processo energetico più elevato, ma sta anche sperimentando carenze e costi in forte aumento delle sue materie prime.

• Per il segmento dei non tessuti, anche i processi di produzione, che utilizzano sia fibre che filamenti estrusi in situ, dipendono fortemente da gas ed elettricità. La fusione e l'estrusione di polimeri, la cardatura delle fibre, la formazione di nastri, l'incollaggio e l'essiccazione sono tecniche ad alta intensità energetica. I materiali non tessuti possono essere trovati in molte applicazioni cruciali per i cittadini, come nel settore sanitario (maschere per il viso) o nel settore automobilistico (batterie).

• Si segnala inoltre che per alcuni segmenti l'utilizzo del gas non ha sostituti tecnologici: ad esempio, le unità produttive di tintoria e finissaggio fanno un uso molto intenso del gas. Queste unità produttive sono composte principalmente da caldaie ed essiccatori, che funzionano solo a gas e non esiste una tecnologia alternativa.

• Anche il settore dei servizi tessili è in difficoltà: con la natura critica del servizio che forniscono, richiedono una notevole quantità di energia per mantenere i servizi, in particolare ospedali e case di cura, riforniti di materiale salvavita, nonché vestiti e lenzuola per i pazienti stessi . La perdita di queste attività comporterebbe la mancanza di abbigliamento per gli operatori sanitari, compresi camici sanitari protettivi per chirurghi, infermieri e medici, uniformi comprese altre forme di dispositivi di protezione individuale.                            

 

Pubblicato in comunicazioni